Ripresa del settore tessile fermata: i rincari di tessuti e prodotti chimici vanno dal +50% al +300%

Ripresa del settore tessile fermata: i rincari di tessuti e prodotti chimici vanno dal +50% al +300%

I Numeri incoraggianti della ripresa del tessile-moda facevano prevedere un ritorno ai livelli pre-Covid già all’inizio del 2022, ma ora pesano i rincari delle materie prime, che penalizzano direttamente la parte manifatturiera.
L’indice sintetico dettagliato ieri da Sistema moda Italia (SMI) per agosto mostra una crescita del 35,2% rispetto allo stesso mese del 2020.

Tra le materie prime in crescita ci sono:

  • Il cotone, cresciuto del 31,2%;
  • Le fibre sintetiche, aumentate del 51,6%;
  • Le fibre artificiali, salite del 19,3%,
  • La seta, aumentata del 30%.

A peggiorare la situazione sono anche i rincari di prodotti chimici molto utilizzati lungo la filiera del tessile, come l’acido acetico glaciale, cresciuto di quasi il 300%.

Marino Vago, presidente di SMI, si esprime e commenta la situazione: “I rincari pesano anzitutto sul cosiddetto monte della filiera, che in questi anni sta affrontando le maggiori difficoltà tra blocchi e aumenti che riguardano tutte le materie prime, le sostanze chimiche e i servizi di logistica. La filiera del tessile-moda-accessorio deve essere compatta nell’affrontare questi problemi e i costi dovranno inevitabilmente essere spalmati dal monte al valle della nostra produzione, per la tenuta dell’unicità del made in Italy.“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.